Pride: 7 consigli di lettura

Per celebrare il Pride, voglio consigliarvi un possibile ciclo di letture: libri che ci fanno riflettere sulle tematiche LGBTQIA+ e sulla necessità di dare vita a una società davvero inclusiva. Questo post mi offre anche l’occasione perfetta per riproporvi dei volumi che mi sono rimasti nel cuore e che meritano una “seconda visione”.

Ho cercato di selezionare dei testi adatti a tutti i gusti: si spazia da un’antologia di poesie a dei romanzi per ragazzə, da opere caratterizzate da una prosa poetica a libri dal linguaggio semplice ed efficace. Questi sette volumi possono venire paragonati ai colori dell’arcobaleno: da una parte ci sono tonalità più cupe e malinconiche – opere che ci fanno riflettere sulla lunga strada da percorrere perché tuttə abbiano finalmente gli stessi diritti –, dall’altra toni più vibranti e accessi – romanzi in cui i protagonisti rivendicano fieramente la loro identità, il loro diritto di essere sé stessə .

1) Poesie + Zami, Audre Lorde

Questi libri sono due facce della stessa medaglia: da una parte ci sono le liriche della grande poetessa afro-caraibica-americana, dall’altra la sua autobiografia. Audre Lorde ci parla della lunga strada che ha dovuto percorrere per rivendicare la sua identità di donna nera e lesbica in un’America razzista, sessista e omofoba. L’autrice canta una passione amorosa talvolta aspra e pungente, talvolta dolce come il miele: nelle poesie di Lorde, le voci e i corpi delle donne della sua vita si sovrappongono alle figure di dee mitiche, incarnazioni di una femminilità libera e potente.

2) The Boys on the Rock, John Fox

Fox ci offre un affresco della società americana di fine anni ’60. I ragazzi “born in the Usa” devono mostrarsi a tutti i costi virili: devono conformarsi agli standard imposti da un mondo in cui l’unico orientamento sessuale ammesso è quello eterosessuale. Billy, il protagonista di questo amaro romanzo di formazione, prova a seguire le regole del gioco, ma, dentro di sé, sa di essere diverso dai suoi coetanei: a lui piacciono i ragazzi, non le ragazze. Nel corso del libro, Billy dovrà fare i conti con i suoi sentimenti e si confronterà con una società ostile, che cerca in tutti i modi di impedirgli di essere sé stesso.

3) Nightwood, Djuna Barnes

djuna barnes

In questo libro fantasmagorico, onirico e unico nel suo genere, la scrittrice ha ammantato di poesia e di mistero la sua relazione con Thelma Wood: una relazione che si è interrotta per colpa di una “terza incomoda”. Realtà e finzione si fondono e confondono, dando vita a un caleidoscopio di cuori spezzati, passioni e inquietudini. Memorabile la figura di Matthew O’Connor, il “confessore” notturno degli altri personaggi: Matthew è un Tiresia che vorrebbe poter cambiare di nuovo sesso, tornare ad “abitare” un corpo femminile.

4) Città di notte, John Rechy

Rechy ci parla di un’altra America, minore e dolente: una teoria di città notturne, elettrice e inquiete, abitate da uomini che negano o che sono costretti a nascondere la propria identità sessuale. Attraverso le peregrinazioni di un ragazzo da marciapiede, di un giovane che mette in vendita il suo corpo, lo scrittore narra le storie parallele di alcune anime salve: persone che vedono continuamente andare in frantumi il loro american dream, mentre vanno alla disperata ricerca di un briciolo d’amore e di comprensione.

5) Strange Grace, Tessa Gratton

Il libro di Gratton rientra nel filone della Young Adult Fiction, ma questa fiaba dark è adatta a ogni età: rimarrete affascinatə da una scrittura tanto elegante quanto evocativa e da tre indimenticabili coprotagonisti. Strange Grace, come tutte le fiabe che si rispettino, nasconde un messaggio profondo: l’autrice ci invita a rimettere in discussione regole che crediamo immutabili e ci fa riflettere su temi come l’identità e la questione di genere.

6) Night Shine, Tessa Gratton

Questo romanzo mi ha convinta meno rispetto al precedente, ma merita comunque la nostra attenzione, vuoi per sua ambientazione sontuosa ed immaginifica, vuoi per l’abilità con cui l’autrice ha rielaborato in chiave queer alcuni elementi classici delle fiabe. I personaggi di Night Shine sfidano la logica binaria ribellandosi ai ruoli che gli sono stati imposti dalla società: un principe può essere anche una principessa; chi è statə consideratə come niente, come un mero accessorio del fasto regale, può diventare una delle figure più affascinanti e potenti del reame.

7) Stone Butch Blues, Leslie Feinberg

Stonewall National Monument

Questo libro, che trae ispirazione dalla travagliata vita di Feinberg, ci esorta a mettere in discussione i preconcetti di una società binaria ed eteronormativa: è la storia di una persona che ha dovuto lottare con le unghie e con i denti per poter affermare la sua identità e il suo diritto alla felicità. In Stone Butch Blues risuona lo spirito di Stonewall e del Pride: il testo suona come un invito a unirsi in un’unica comunità che include tuttə, nessunə esclusə, e che ambisce ad abolire ogni forma d’ingiustizia e di discriminazione.

Buon Pride a tuttə e, ovviamente, vi invito ad aggiungere altri titoli alla lista!

Altri consigli di lettura:

Il blog La siepe di more e, in particolare, gli articoli dedicati all’Asexual Awareness Week

Pride Month Archives – BOOK RIOT

Liberarci delle categorie di genere non sarà la fine del mondo

20 titoli consigliati da Fanpage

6 pensieri su “Pride: 7 consigli di lettura

  1. Approfitto dell’occasione grazie al tuo post, e suggerisco due romanzi: “Ragazza, donna, altro” di Bernardine Evaristo – un’opera all’insegna dell’inclusività in senso lato – e “Ho paura torero” di Pedro Lemebel – un romanzo all’Almodóvar, una fata ignorante ante litteram.

    Piace a 1 persona

    1. Mi sarei aspettata questa domanda nella sezione viaggi letterari 😆. Ci starebbe un incrocio con il tema Pride, ma non mi viene in mente niente…
      Guarda, a occhio e croce direi che potrebbe esserci qualcosa di Pamuk, ma trovo maggiori riscontri sugli anni ’70. La lista degli autori turchi di Wikipedia potrebbe tornarti utile >https://en.wikipedia.org/wiki/List_of_Turkish_writers e ti direi di dare un’occhiata anche al sito Culture Trip >https://theculturetrip.com/asia/turkey/
      Buone letture!

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.